Caricamento in corso...
Microsoft

Samsung e Microsoft insieme per la Internet of Things

Samsung è diventata il più grande produttore al mondo di dispositivi Android, ma sembra che abbia diversi piani in mente quando si tratta di dispositivi collegati e Internet of Things.

Oggi la società ha annunciato che lavorerà con Microsoft per sviluppare dispositivi dell’Internet of Things basati su Windows 10, e le aziende lavoreranno insieme per sviluppare prodotti che verranno eseguiti sulla piattaforma, così come l’integrazione con altre aziende che sviluppano hardware e servizi sul nuovo sistema operativo Microsoft.

Samsung e Microsoft che lavorano insieme non è completamente nuovo: i due hanno già lavorato insieme per circa 30 anni su dispositivi Windows. Ma questo ultimo sviluppo è nuovo e sottolinea un paio di cose.

samsung-microsoft-iot-informatblog

Per prima cosa Microsoft non è stata esattamente vincitrice nell’ultima innovazione enorme nel campo dell’informatica, ossia gli smartphone: l’onore è andato a Android e Apple, che dominano lo spazio smartphone in termini di quota di mercato, dati finanziari e apprezzamento degli utenti.

D’altra parte, ci sono state molte tensioni tra Samsung e Google su Android e forse questa notizia è un modo per Samsung di indicare che è pronta a passare ad altri collaboratori se l’occasione lo richiedesse.

La notizia della partnership per la Internet of Things è stata resa pubblica al CES di Las Vegas dal dirigente Samsung WP Hong, che ha anche illustrato le ambizioni della sua azienda in tutti gli aspetti della Internet of Things: come produttore di chip, come produttore di dispositivi, come fornitore di servizi… tutto rientra nella strategia “IoTivity” della società.

Ma a quanto pare, non entra nella IoT come un produttore di piattaforme, ed è qui che entra in gioco Microsoft. “La piattaforma è parte integrante della strategia di Samsung”, ha detto Terry Myerson, dirigente Microsoft.

Per ora non ci sono molti dettagli su questa partnership e su cosa verrà fuori, ma sarà parte di quello che sembra un rapporto più grande tra i due giganti, con l’ambizione di Microsoft per sviluppare app universali Windows che funzionano su diversi dispositivi e con un unico sistema di sicurezza unificato.

Myerson ha colto l’occasione di salire sul palco per evidenziare un nuovo tablet basato su Windows 10, il Galaxy TabPro S, disegnando un collegamento tra questo dispositivo e la notizia sulla Internet of Things.

“Con Windows 10 entrambe le società hanno voluto fare qualcosa di grande insieme, e abbiamo presentato il nuovo Samsung Galaxy TabPro S insieme alla nostra visione condivisa per il futuro e l’innovazione che porterà la Internet of Things“, ha scritto Myerson in un post sul blog di Microsoft sul nuovo accordo.

È interessante notare, però, che Myerson non ha utilizzato il suo tempo sul palco per parlare di Windows 10 IoT Core, una versione più sintetica di Windows 10 specificamente orientata verso i dispositivi della Internet of Things. La ragione di ciò potrebbe essere che è attualmente disponibile solo su dispositivi non-Samsung come il Raspberry Pi 2, ma sarebbe stata una buona occasione per parlare un po’ di più su un impegno comune che coinvolge tale sistema operativo. Invece, Myerson ha parlato solo di Windows 10 sul nuovo TabPro S.

Questo ci lascia con la domanda: quanto in profondità va questa collaborazione? Se è solo sull’utilizzo di Windows 10 su alcuni dispositivi e, occasionalmente, la loro integrazione con Cortana, è davvero molto meno di una partnership.

Il tema della Internet of Things fa seguito al discorso del CEO di IBM Ginny Rometty, che ha usato il suo tempo palco per parlare dello sviluppo della piattaforma di intelligenza artificiale Watson. Come parte di questo, ha anche sottolineato come essa si baserà molto sulla crescita dell’Internet of Things, raccogliendo dati e anche aiutando i dispositivi e i servizi di controllo nel mondo connesso. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti