Caricamento in corso...
Samsung

Samsung consiglia agli utenti di restituire il Galaxy Note 7

Chi possiede un Galaxy Note 7 dovrebbe spegnerlo e non utilizzarlo. Il consiglio arriva da Samsung e dalla Commissione per la sicurezza degli Stati Uniti, a causa degli incendi che sono scoppiati a causa delle batterie agli ioni di litio in alcuni dei dispositivi. L’avvertimento ha seguito un richiamo globale volontario del Galaxy Note 7 che Samsung ha annunciato una settimana fa.

Samsung ha detto Venerdì che gli utenti dovrebbero restituire i loro Galaxy Note 7 scambiandoli con un altro dispositivo. L’azienda sudcoreana ha anche detto che ha “identificato l’inventario colpito e ha fermato le vendite di tali dispositivi.”

Samsung sta lavorando duramente a seguito del richiamo volontario su un “piano d’azione correttivo” per accelerare le cose. L’ente governativo statunitense che sovrintende il fatto, la CPSC, ha confermato che sta “lavorando in modo cooperativo” con Samsung per annunciare formalmente un richiamo ufficiale al più presto possibile. L’agenzia ha detto che “sta lavorando rapidamente per determinare se la sostituzione del Galaxy Note 7 è un rimedio accettabile per gli utenti Samsung”.

samsung galaxy note 7 informatblog

Il richiamo di Samsung segna un raro esempio di una società che ritira i suoi prodotti senza agire in combinazione con altri enti. “E’illegale per una società sapere di avere un prodotto pericoloso e non informare il CPSC”, ha detto Pamela Gilbert, ex direttore esecutivo del CPSC. “La situazione è insolita.”

In genere, la Commissione annuncia richiami in collaborazione con i produttori, dopo una consultazione. Ma non è stato ancora raggiunto nessun accordo su un avviso di richiamo con Samsung. La mossa segue l’avvertimento della Federal Aviation Administration americana (FAA) secondo cui, alla luce dei recenti incidenti e preoccupazioni, non si dovrebbero usare i Samsung Galaxy Note 7 a bordo degli aerei.

A seguito dell’annuncio, Samsung ha perso oltre 10 miliardi di dollari in borsa. Alla borsa di Seoul, le azioni Samsung hanno chiuso in calo del 3,9%.

Il 2 settembre, Samsung ha iniziato volontariamente a richiamare i Galaxy Note 7. L’azienda ha detto di averne venduti 2,5 milioni dal suo lancio il 19 agosto, e che prevede di far ripartire le vendite al più presto con batterie sicure, offrendo carte regalo da 25 dollari ai proprietari statunitensi che scambiano i loro telefoni con altri modelli.

Koh Dong-jin, capo della divisione cellulare di Samsung, ha detto il 2 settembre che gli incidenti al Galaxy Note 7 sono stati causati dalla cella della batteria e che non hanno nulla a che fare con il telefono stesso. “C’è stato un piccolo difetto nel processo di produzione della batteria”, ha dichiarato Koh, aggiungendo che “gli standard di controllo qualità nel processo di produzione potrebbero essere stati insufficienti.”

Anche la dichiarazione di venerdì del CPSC è stata insolita, in quanto ha messo in guardia i proprietari di non utilizzare il prodotto. “Questo è un avvertimento ancora più grave“, ha detto Scott Wolfson, direttore delle comunicazioni della CPSC. “Non appena possibile, i consumatori meritano informazioni chiare sul pericolo, i prodotti coinvolti e il rimedio”.

Samsung, come molti altri produttori, utilizza batterie agli ioni di litio nei suoi smartphone per la loro leggerezza e potenza a lunga durata. L’analista Chris Chang ha stimato la scorsa settimana che il 65% delle batterie per il nuovo smartphone sono state fornite dalla società affiliata Samsung SDI, mentre il 35% da Amperex Technology Ltd., una unità della giapponese TDK. Samsung ha indicato che i Galaxy Note 7 venduti in Cina, che montano batterie Amperex, non hanno alcun problema.

Samsung non è il primo produttore di smartphone ad incorrere in problemi di sicurezza correlati all’alimentazione. Apple all’inizio di quest’anno ha richiamato gli adattatori prodotti negli ultimi 12 anni in Europa e in altre regioni, citando una dozzina di casi in cui si erano verificate scosse elettriche. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti