Samsung

Samsung a lavoro su uno smartphone Tizen di fascia alta

Tizen – il sistema operativo per tutto – è uno slogan che Samsung ha veramente a cuore e con il suo amore e aiuto la piattaforma Linux è in rapida crescita di popolarità tra sviluppatori e smanettoni. Un nuovo rapporto, per gentile concessione di Samsung Vietnam, sostiene che il 2016 sarà l’anno della rivoluzione Tizen, che il gigante coreano vuole imbastire mettendo in commercio una nuova serie di cellulari Tizen più potenti.

Il sistema operativo Tizen esiste già da un bel po’ di tempo, installato sui dispositivi indossabili dell’azienda e anche su di un paio di telefoni cellulari a basso costo: il Samsung Z1 e il Samsung Z3, che hanno davvero beneficiato dalla natura di Tizen, un sistema operativo veloce e leggero, e si sono dimostrati un buon banco di prova per la piattaforma, verificando che è davvero un buon sistema operativo per i dispositivi mobili.

tizen-samsung-smartphone-informatblog

L’ecosistema Tizen si sta espandendo rapidamente e sta godendo di un notevole supporto da parte degli sviluppatori, in parte grazie alla decisione di Samsung di concedere loro tutte le entrate relative alla vendita delle app fino alla fine del prossimo anno. Il sistema operativo ha già una applicazione VLC dedicata e anche una app Facebook ufficiale; con il supporto di Samsung Tizen potrebbe davvero decollare, nonostante il suo attuale basso profilo per quanto riguarda il marketing.

L’unica cosa che veramente manca è un hardware appropriato per far prosperare Tizen, e se il rapporto di Samsung Vietnam risultasse vero, potremmo vedere una serie completa di Samsung Z nel giro di pochi mesi. Ciò significherebbe due nuovi modelli Z5 e Z8, in linea con la convenzione della denominazione corrente dell’azienda coreana. Forse anche una famiglia di dispositivi completamente nuova con la propria offerta di punta

Abbiamo pochi dubbi che i nuovi telefoni Samsung saranno accompagnati da dispositivi indossabili interessanti, per mostrare le capacità di Tizen quando è attaccato al polso. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti