Microsoft

Satya Nadella e i suoi cambiamenti in Microsoft

Da quando è divenuto CEO di Microsoft nel mese di febbraio, Satya Nadella ha spostato l’attenzione della società dalla vendita di licenze software alla vendita di abbonamenti cloud. In un’intervista con CNBC all’inizio di questa settimana, Nadella ha praticamente ammesso che il vecchio modello di business di Microsoft è stato distrutto da aziende come Google, che offrono servizi freemium in diretta concorrenza con i servizi cloud di Microsoft.

Microsoft, sotto la guida di Nadella, non è stata ferma a guardare mentre i concorrenti attiravano i suoi ex clienti con prezzi migliori (gratuiti), e un buon rapporto qualità-prezzo. Nell’intervista, Nadella ha detto: “La cosa che non voglio è una società che si allontani dai suoi utenti” In altre parole, vuole costruire una base di utenti, poi capire come monetizzarli – ossia il modello freemium. E’ un grande cambiamento per Microsoft, che era solita essere pagata in anticipo per il suo software, ma la transizione è già in corso.

satya-nadella-cambia-microsoft-informatblog

Office per iPad

Il rilascio di Office per iPad è arrivato meno di due mesi dopo che Nadella ha assunto il ruolo di amministratore delegato, ed è emblematico del passaggio da premium a freemium. Microsoft offre software gratuitamente per gli utenti – limitatamente alla lettura di documenti. Se l’utente desidera modificare i documenti sul suo tablet, dovrà pagare 99 dollari l’anno per un abbonamento a Office 365 – la versione Cloud di Office.

Senza le vendite di PC Windows, Microsoft non può più dipendere dal suo sistema operativo per stimolare le vendite della sua suite di produttività. Sia Apple che Google hanno i loro propri prodotti gratuiti. Apple ha iniziato ad offrire le sue applicazioni di produttività (come Pages, Numbers, Keynote) gratuite con l’acquisto di qualsiasi dispositivo Apple lo scorso anno. Google ha sempre offerto l’accesso gratuito al servizio Google Docs online (recentemente rinominato Google Drive).

Con il rilascio di Office per iPad, Nadella ha detto che l’obiettivo di Microsoft è quello di “diffondere Office 365 in tutto il mondo.” Il modello freemium sarà la chiave per convincere la gente a usare nuovamente Office anche lontano dai PC Windows.

Nuovo modello di prezzo di Windows

La prossima grande iniziativa di Nadella è stata quella di offrire ai produttori di dispositivi una licenza gratuita di Windows per i dispositivi con schermi di meno di 9 pollici. E’ un bel cambiamento considerando che Microsoft ha fatto i suoi miliardi dai costi agli OEM per il suo sistema operativo. Ma Nadella pensa che la mossa migliorerà l’adozione del suo sistema operativo mobile, che a sua volta aumenterà il numero di sviluppatori che creano applicazioni per la piattaforma.

L’app Store è la più grande caduta di Windows Phone, in quanto manca l’ampiezza e la qualità delle applicazioni degli store Android e iOS. Se Microsoft potesse migliorare il suo app Store portando più utenti a Windows Phone, potrebbe vendere più applicazioni, ma anche aumentare le vendite delle versioni Premium di Windows.

Il primo round di dispositivi con licenza gratuita di Windows stanno venendo rilasciati proprio adesso. In particolare, HTC ha adeguato il proprio smartphone di punta per eseguire Windows Phone. Pochi altri produttori di grandi nomi hanno rilasciato telefoni Windows da quando Microsoft ha attuato la sua nuova politica di concessione di licenze. Il tempo dirà se questa strategia sarà effettivamente vincente.

Cloud dei consumatori

Il modello freemium vale anche per il business cloud di Microsoft. Il suo servizio di cloud storage Microsoft OneDrive era un esempio primario per Nadella di come Microsoft fa freemium. Ai nuovi utenti vengono offerti 15 GB di spazio cloud gratuito, molto più dei piccoli concorrenti come Dropbox (2GB), e alla pari con il servizio Google Drive. E’anche più dei 5 GB che Apple fornisce gratis per gli utenti di iCloud.

Il livello degli utenti gratuiti è estremamente importante per Microsoft, perché non è competitiva sul prezzo degli abbonamenti a pagamento: per 200GB di spazio di archiviazione, gli utenti Microsoft OneDrive devono pagare 100 dollari all’anno. In confronto, gli utenti di iCloud pagano meno della metà – 3,99 dollari al mese – per la stessa quantità di spazio di archiviazione. Non è così terribile per Microsoft, però, perché iCloud gira su piattaforma Microsoft Azure, quindi è ancora come essere pagati.

Ciò che è più minaccioso è il prezzo aggressivo di Google. Per solo altri 9,99 dollari al mese, gli utenti di Google Drive possono avere 1 TB – cinque volte di più rispetto a One Drive – di spazio sul cloud. Google dà anche 100 GB di spazio cloud per due anni per gli acquirenti dei Chromebook – un modello che Microsoft potrebbe copiare con i suoi tablet Surface.

Nadella ha commentato che Microsoft ha solo due concorrenti reali nel cloud computing – Google e Amazon. Dal punto di vista aziendale sta facendo molto bene, ma lato consumatore il modello freemium sarà la chiave per aumentare l’adozione dei servizi a pagamento.

Premere il pulsante del riavvio

Quando Nadella ha assunto il ruolo di amministratore delegato nel mese di febbraio, Microsoft ha premuto in modo efficace il pulsante di riavvio. Il suo approccio mobile-first, cloud-first significa l’adozione di un nuovo modello di business – efficace sui cellulari e sul cloud.

Negli ultimi anni, il modello freemium è stato dimostrato essere valido in varie occasioni. Se Microsoft vorrà avere successo nel campo dei multi-dispositivi, nel mondo multi-OS in cui viviamo, dovrà fare ciò che funziona bene oggi, non ciò che ha funzionato negli anni ’90.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti