Altri produttori

Smartphone per i giapponesi? No, meglio i telefoni a conchiglia

Le vendite in Giappone dei tradizionali telefoni a conchiglia (noti in gergo come flip-phone) sono aumentate nel 2014 per la prima volta in sette anni, mentre le vendite di smartphone sono diminuite, mettendo in evidenza l’attaccamento tenace dei consumatori giapponesi verso i vecchi modelli familiari e in genere meno costosi.

Denominati “Galapagos” perché si sono evoluti per soddisfare gli standard e i gusti unici dei giapponesi, le vendite dei flip-phone sono salite del 5,7% fino ad un numero di 10,58 milioni nel 2014. I dati provengono da ricerche di mercato MM Research Institute Ltd. Le vendite di smartphone per contro sono scese del 5,3% a 27,70 milioni di unità, in calo per il secondo anno.

flip-phone-giappone-informatblog

Gli utenti in Giappone pagano alcuni tra i più alti prezzi per gli smartphone tra le nazioni sviluppate, afferma il ministero delle telecomunicazioni, mentre i prezzi dei flip-phone sono tra i più bassi. Molti giapponesi abituati ad anni di deflazione hanno scelto di mantenere (o tornare) il vecchio cellulare a conchiglia che offre chiamate vocali, e-mail e nella maggior parte dei casi servizi Internet di base.
   
Le aziende di elettronica giapponesi Panasonic e NEC si sono tirate fuori dal business degli smartphone non essendo in grado di competere con i marchi dominanti di Apple e Samsung, mentre producono ancora diversi flip-phone anche se, in competizione in un mercato affollato da Fujitsu, Sharp e altri, la concorrenza è dura.

Ma con un tasso di penetrazione della telefonia mobile del 98,5%, equivalente a 125 milioni di abbonamenti, c’è poco spazio per una significativa crescita complessiva nel mercato della telefonia mobile del Giappone, ha detto la ricerca di MM Research Institute Ltd. “Gli smartphone sono molto più avanti in termini di funzionalità e tendono a durare a lungo, quindi ci sono meno acquisti di nuovi prodotti”, ha detto l’analista di MM Research Hideaki Yokota.

Ha infine concluso affermando che il 2014 è stato un anno particolarmente buono per i rinnovi del ciclo di sostituzione per i telefoni cellulari a conchiglia, suggerendo che la crescita dello scorso anno potrebbe non essere ripetuta nel 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti