Dati finanziari

Sony abbassa le stime di profitto operativo

Sony ha abbassato la sua stima di utile operativo per l’anno fiscale che si è concluso a marzo, a causa del rallentamento delle vendite di iPhone che ha colpito la sua attività di produzione componenti per smartphone e e della politica del tasso d’interesse negativo della Banca del Giappone, che ha ridotto i profitti finanziari.

Sony ha detto che il suo utile operativo è stato di 290 miliardi di yen (2.64 miliardi di dollari) per l’anno chiuso il 31 marzo, a fronte di una previsione di 320 miliardi di yen presentata a gennaio. Sony ha rivisto i suoi dati verso l’alto, però, grazie a adeguamenti fiscali, dicendo che stima che l’utile netto sia stato di 145 miliardi di yen invece di una previsione precedente di 140 miliardi di yen. L’azienda riporterà i risultati ufficiali il 28 aprile.

Il più grande fattore dietro la rivisitazione dei conti di Sony è stata una svalutazione una tantum di 59,6 miliardi di yen per la sua attività di produzione del modulo delle fotocamere per smartphone. Il dirigente Kenichiro Yoshida aveva già avvertito gli investitori a gennaio che sarebbe stato probabile il verificarsi di un fatto del genere.

sony-abbassa-stime-profitti-informatblog

Il modulo è un componente altamente utilizzato nelle fotocamere per smartphone. Sony fornisce sensori di immagine e moduli di fotocamera ad Apple e Samsung, che di recente stanno lottando a causa della concorrenza da parte di produttori di cellulari a basso prezzo, così come del rallentamento del mercato.

Sony ha anche citato il rapido calo dei tassi di interesse in Giappone per la rivisitazione dei suoi dati sul profitto operativo. La società gestisce unità bancarie e assicurative in Giappone, e la Banca del Giappone all’inizio di quest’anno ha introdotto tassi di interesse negativi su alcuni depositi detenuti dalle banche commerciali presso la banca centrale, abbassando i tassi su tutta la linea che hanno avuto impatto sui margini delle istituzioni finanziarie.

Nonostante la rivisitazione verso il basso dei suoi dati, l’utile operativo di Sony per l’anno appena concluso è stato molto migliore di quanto fu segnato l’anno scoros 2015, concluso da Sony con una perdita netta di 126 miliardi di yen. L’inversione di tendenza suggerisce che gli anni di sforzi per ristrutturare l’azienda dell’amministratore delegato Kazuo Hirai stanno dando buoni frutti.

Sotto Hirai, Sony ha venduto il suo inutile braccio dei personal computer a un fondo di investimento, concentrando le sue risorse su unità ad alta crescita, tra cui sensori di immagini, videogiochi PlayStation, musica e film. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti