PS4

Sony acquista 140 brevetti di giochi cloud da OnLive

Sony ha comprato Onlive, e nel processo 140 dei suoi brevetti di cloud gaming. La mossa è una relativa sorpresa, ma allo stesso tempo si porta dietro una discreta quantità di aspettative. Sony sta cercando di spingere la sua console PlayStation fino alla prossima generazione, e ciò sta accadendo con il cloud.

In ultima analisi, i brevetti ottenuti attraverso l’affare saranno investimenti degni di nota col passare del tempo.

sony-compra-onlive-informatblog

OnLive era un tempo il più grande nome nel cloud streaming per i giochi. Tuttavia, il suo momento è stato relativamente breve ed alla fine la società è scomparsa dalla vetta del gaming tramite cloud. Tuttavia, essa possedeva alcuni ottimi brevetti che sarebbero potuti essere davvero utili per Sony, che così ha fatto la prima mossa. Detto questo, OnLive sarà chiuso e sarà niente più che un ricordo entro la fine del mese. Il 28 aprile il servizio si spegnerà del tutto e non rimarrà nulla nel suo proverbiale serbatoio.

E’ stata una strada lunga e tumultuosa per OnLive, che ha dovuto licenziare la maggior parte dei suoi dipendenti nel 2012, dopo che il fondatore non è riuscito a raccogliere abbastanza capitale per mantenere il funzionamento complessivo del meccanismo. Più di recente, alcuni rapporti hanno fatto emergere che la società stava lavorando con soli circa 1.600 iscritti fino ad oggi che stavano pagando l’abbonamento pieno. Una volta che la notizia si è diffusa, è andato tutto in discesa. I brevetti che avevano erano davvero l’unica moneta di scambio rimasta.

Alcuni degli altri dettagli intorno alla transazione restano in sospeso. Non è chiaro quanto valga l’accordo dal punto di vista economico, e che cosa accadrà con i dipendenti di OnLive da adesso in poi. Phillip Rosenberg di Sony ha sottolineato che “Questi acquisti strategici aprono grandi opportunità per i nostri giocatori, e danno a Sony un portafoglio brevetti formidabile nel mondo del cloud gaming.” Ha continuato a sottolineare, inoltre, dicendo che questa “E’ un’ulteriore dimostrazione del nostro impegno nel cambiare il modo in cui i giocatori vivono il mondo di PlayStation”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti