AndroidiOS

Speciale: Android L contro iOS 8

La battaglia per i sistemi operativi mobili sta infuriando, ci sono solo due contendenti pesi massimi. Android di Google e iOS di Apple sono sempre migliori (e sempre più simili) ogni anno che passa. Le ultime incarnazioni dei loro prodotti, Android L e iOS 8, sono stati presentati in occasione di due conferenze per sviluppatori, WWDC per Apple e I/O per Google. Diamo uno sguardo a come si confrontano per capire se Apple e Google si stanno calpestando o se stanno iniziando a convergere.

Interfaccia utente

Android L rappresenta un grande cambiamento in termini di interfaccia utente in quanto Google sta puntando sul “Material Design”, un nuovo look che coerente in Android, Chrome OS, il browser Chrome e Android Wear. Esso comprende una estetica comune a tutti i componenti con colori vivaci e nuovi font. Ci sono molte più animazioni per il feedback al tocco e per le transizioni tra le applicazioni, ci sono ombre in 3D e effetti di scorrimento nidificati che scambiano gli elementi dell’interfaccia utente quando non sono utilizzati.
Apple era già molto minimale con iOS 7, quindi interventi di chirurgia maggiore non sono stati ritenuti necessari per iOS 8: esso mantiene lo stesso aspetto pulito e ordinato del suo predecessore. Secondo noi Android L sembra prendere un po’di elementi di iOS 6 (con disegni più realistici) e alcuni di iOS 8, seguendo il trend dei disegni piatti.

Sotto la superficie

L’SDK di iOS 8 contiene più di 4.000 nuove API per gli sviluppatori, ma a quanto pare l’SDK di Android L trionfa con più di 5.000. Naturalmente, tutto dipende da ciò che queste API in realtà hanno da offrire, ma Android L porta in dote anche il supporto per i processori a 64 bit, che abbiamo visto far fuori in iOS 7. Google ha finalmente scartato Dalvik e reso ART (Android RunTime) il nuovo motore, che dovrebbe offrire un notevole miglioramento nella velocità. Esso utilizza AOT (Ahead-of-Time) invece di JIT (Just-in-Time) la compilazione, che migliora molti elementi, tra i principali le prestazioni generali e la durata della batteria. Apple è passata al linguaggio di programmazione Swift per lo sviluppo di iOS 8 e OS X, ciò mira a salvaguardare gli errori e a offrire migliori prestazioni per gli sviluppatori durante la codifica per iPhone e iPad. Si tratta di strumenti che daranno agli sviluppatori la possibilità di creare applicazioni con meno bug, quindi siamo in attesa di conoscere il verdetto sul quale sarà la piattaforma che ha le migliori modifiche.

Notifiche dappertutto

Le piattaforme rivali combattono sempre più in termini di notifiche. Apple ha aggiunto notifiche interattive per la schermata di blocco con iOS 8 e li ha rese meno invadenti con pop-up nella parte superiore dello schermo. Google ha fatto più o meno lo stesso in Android L: le notifiche sulla schermata di blocco portano dritti alle applicazioni, e compaiono i pop-up nella parte superiore dello schermo quando si sta già facendo qualcosa.

ios-8-android-l-informatblog

Per il 15% delle persone che utilizzano PIN o schemi di blocco, Google ha aggiunto un nuovo sistema di autenticazione in grado di determinare quando si tiene in mano il telefono utilizzando il rilevamento della posizione, e consentirà ai dispositivi Bluetooth di sbloccare automaticamente il dispositivo per voi.
Sembra abbastanza probabile che Apple farà lo stesso con l’iWatch quando (probabilmente) sarà lanciato nel corso dell’anno, con TouchID mostra che il marchio di Cupertino sta cercando di rendere il vostro smartphone protetto unicamente dal vostro corpo.

Compatibilità per SmartWatch

La piattaforma Android Wear è in rampa di lancio per gli sviluppatori e l’LG G Watch e il Samsung Gear Live sono disponibili per le ordinazioni da adesso. Le app sul vostro dispositivo Android verranno automaticamente scaricate e si aggiorneranno su qualsiasi dispositivo Android Wear collegato. Si possono anche sincronizzare tra i dispositivi, in modo da poter seguire una ricetta sul vostro orologio e sul vostro smartphone allo stesso tempo – ciò è abbastanza utile quando si può semplicemente toccare lo schermo e avviare un timer se la ricetta ne ha bisogno. Google sembra che stia lanciando applicazioni dedicate Android Wear – che sono apparse sul Play Store e quindi rapidamente tirate giù – ciò dimostra che Big G pensa che gli indossabili rappresentino il futuro (non abbiamo nemmeno mai parlato di Google Glass).
Apple deve ancora annunciare un iWatch, ma l’applicazione di salute aggiornata e l’API HealthKit per iOS 8 sono progettate per rendere più facile per estrarre i dati del corpo e della salute, e il nuovo smartwatch della casa della mela sarà impostato per avere tutti i tipi di sensori: sembra diventare il dispositivo definitivo per mostrare quanto il vostro livello di forma e salute.

Android L offre un maggiore controllo sulla durata della batteria con nuovi miglioramenti e modalità che consentono agli utenti di regolare con precisione la quantità di batteria che le applicazioni possono utilizzare. ‘Project Volta‘ va in profondità analizzando le applicazioni che consumano più batteria e le mette in modalità risparmio energetico per estenderne la durata vita. Questa modalità di risparmio è qualcosa di buono, ma ci sarebbe piaciuto vedere una modalità di risparmio batteria estrema come quelle che HTC e Samsung hanno fatto per allungare davvero la vita della batteria.

Apple è un po’in ritardo, ma iOS 8 mostrerà finalmente una schermata d’uso della batteria che mostra le applicazioni che ne utilizzano di più, quando sono in esecuzione e in standby, in modo da poter prendere decisioni precise con le impostazioni.

Android Auto vs Carplay

Open Automotive Alliance di Google è in rapida crescita con 40 nuovi partner dall’ultima volta che ne abbiamo sentito parlare. Android Auto vi permetterà di collegare il vostro dispositivo Android e ottenere un’interfaccia semplificata con i comandi vocali. Si potrà facilmente navigare i contenuti di navigazione e di intrattenimento, così come chiamare e inviare messaggi. Una volta che il dispositivo è collegato si utilizzeranno i comandi dell’auto, ma il software resta sul telefono. Sembra molto simile a CarPlay di Apple, in forma e funzionalità, e sarà interessante vedere quale piattaforma i grandi produttori preferiranno. Google e Apple stanno entrambi spingendo in avanti il più rapidamente possibile e vedremo sia Android Auto che CarPlay sulla strada entro la fine dell’anno.

Fusione con il computer portatile

Android L permetterà alle persone di sbloccare il proprio computer portatile con Chrome OS automaticamente quando il loro dispositivo Android è vicino. C’è anche una modalità di condivisione delle notifiche, in modo che il Chromebook possa rispecchiare le notifiche di dispositivi Android e avvisare quando la batteria del telefono è scarica. Ci saranno anche alcune app crossover di alcuni grandi nomi come Evernote, Flipboard, e Vine su Chrome OS.

Apple ha fatto qualcosa di simile con iOS 8 e il prossimo OS X Yosemite con la sua funzione Handoff, che permette di scegliere le attività in app sul vostro computer portatile o desktop e iniziare da dove avete lasciato sul vostro iPhone. È anche possibile gestire chiamate e messaggi dal vostro iPhone sul vostro Mac.

Altri punti salienti

Ci sono un sacco di altre caratteristiche succose e aggiornamenti in entrambe le piattaforme. Android L offrirà una maggiore integrazione con il browser Chrome, le schede appaiono ora accanto alle applicazioni quando si tocca il tasto multitasking, ed è possibile utilizzare direttamente le applicazioni installate dai risultati del browser. Apple ha aperto il suo meccanismo di autenticazione Touch ID per più applicazioni, ha presentato una modalità fotocamera time-lapse, e ha rafforzato le sue opzioni di messaggistica con la condivisione della posizione e messaggi che si autodistruggono.
Vi terremo aggiornati su tutto il resto che Android L e iOS 8 avranno da offrire non appena ne sapremo di più.

Conclusione

Gli sviluppatori possono mettere le mani su Android L e iOS 8 già da ora, ma noi consumatori dovremo aspettare ancora un po’di tempo per una data di uscita certa. La nostra migliore ipotesi è che iOS 8 arriverà assieme al nuovo iPhone 6, probabilmente nel mese di settembre, e apparirà sui vecchi dispositivi quando l’iPhone 6 sarà in vendita da un po’. Android L è probabile che sia un mese o due in ritardo, probabilmente arriverà in autunno con un nuovo dispositivo Nexus – come il Nexus 6 o il Nexus 8, ma il rischio è di dover attendere il periodo natalizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti