Facebook

Studio rivela: persone insicure sono più attive su Facebook

Le persone insicure nei loro rapporti sono più attivamente impegnate su Facebook – pubblicando in bacheca, commentando, aggiornando lo stato o mettendo ‘mi piace’ a qualcosa – nella speranza di ottenere attenzione, secondo uno studio.

In due studi di circa 600 persone di età compresa tra i 18 e gli 83 anni, i ricercatori della Union College negli Stati Uniti hanno chiesto ai partecipanti le loro tendenze tra i rapporti stretti e le loro abitudini di Facebook. La ricerca ha scoperto che ci sono almeno due tipi di utenti attivi di Facebook: le persone che hanno più ansia da attaccamento, e le persone che si sentono più estroverse.

persone-insicure-facebook-informatblog

Le persone del primo tipo, cioè che si preoccupano che gli altri non li amino tanto quanto vogliono essere amati e sono cronicamente preoccupate di rifiuto e abbandono – hanno riportato una maggiore quantità di ciò che lo studio chiama “ricerca del feedback” su Facebook.

Dato che queste persone hanno bisogno di rassicurazioni sul fatto che sono amate e sono molto sensibili alle opinioni di altre persone su di loro, si rivolgono a Facebook, con i suoi 1,2 miliardi di utenti, per avere un feedback, secondo lo studio pubblicato sulla rivista Personality and Individual Differences.

“Rispetto alle persone più sicure, quelle con alti valori di ansia sono più sensibili ai feedback”, ha dichiarato Joshua Hart, professore associato di psicologia e autore principale dello studio. “Esse riferiscono di sentirsi meglio con sè stesse quando ottengono un sacco di commenti, like e altri feedback sui loro post, e sono tristi quando la loro attività Facebook genera poca attenzione”, ha detto Hart.

I ricercatori hanno detto che le ragioni degli estroversi per un uso attivo sono diverse dalle persone con ansia, per i quali la piattaforma serve per attirare l’attenzione positiva per compensare insicurezze. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare le ragioni per cui gli estroversi usano Facebook attivamente, hanno detto i ricercatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti