Software

Symbian va in pensione

symbian

symbianE infine anche Symbian, il sistema operativo utilizzato per anni da Nokia, va in pensione. La notizia é stata diffusa dal Financial Times, il quale ha reso pubblico che questa estate Nokia terminerà di produrre gli ultimi telefoni basati su tale sistema operativo per poi abbracciare definitivamente Windows Mobile. Del resto questo era già prevedibile e in verità anche annunciato ancora dal Febbraio 2011, segno del fatto che Nokia non é riuscita a stare al passo nella guerra tra produttori di dispositivi mobili e di software operativi. Di fatto iOS, Android e Windows Mobile detengono la quasi totalità del mercato e Symbian era rimasto all’angolo da molto tempo.

Sicuramente Symbian rimarrà nella storia, é stato un sistema operativo simbolo di un’era, non per niente era il sistema operativo dell’azienda leader di produzione di cellulari e smartphone. Però questa quando si é trovata difronte al bivio se sviluppare MeeGo, il sistema operativo destinato a sostituire Symbian basato su Linux, e affiancarsi alle aziende che supportano Windows Mobile, ha scelto la seconda.

Col senno del poi probabilmente é stata una scelta lungimirante, giunta, come detto nel 2011 quando l’azienda era ancora leader di mercato. Ma i due anni successivi ci hanno mostrato come la concorrenza di iOS e Android forse avrebbe spiazzato Nokia o avrebbe voluto dire investimenti significanti in un prodotto che di fatto non costituisce il core business dell’azienda. O ancora, come dicono alcuni, semplicemente l’azienda ha dormito sugli allori e quando si é svegliata era ormai troppo tardi e l’unica cosa possibile a quel punto era abbandonare il proprio sistema operativo e salire in groppa al cavallo altrui.

Comunque sia, ormai, non saranno in molti a piangere oggi l’uscita dal mercato di questo sistema operativo. Consideriamo infatti che nel primo trimestre del 2013 Nokia aveva venduto solo 500.000 dispositivi basati su symbian a fronte dei 5.3 milioni di dispositivi Lumia venduto nel medesimo periodo, ovviamente che supportavano Windows Mobile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti