App

Tempi duri per gli sportelli Bancomat

Bancomat iPhoneTempi duri per gli sportelli Bancomat. La Apple sta infatti brevettando una nuova applicazione per iPhone potenzialmente in grado di generare un terremoto nel mondo dei prelievi e dei piccoli prestiti bancari. Si tratta di un software che consente di individuare chi vicino a noi possiede il medesimo applicativo e si sia reso disponibile al prestito di una certa somma di denaro. L’applicazione si potrebbe rivelare molto utile ad esempio a chi non avesse ricordato di portare con sé il bancomat o non trovasse un terminale funzionante.

Una volta individuato dal software il potenziale prestatore, si potrà inviargli una richiesta e, in caso la persona accetti, si potrà conoscerne l’esatta posizione e procedere alla transazione. La restituzione del denaro avverrà attraverso i rispettivi profili iTunes. Chi ci guadagna? Sia il prestatore sia Apple trattengono una piccola commissione sulla somma in oggetto. Il progetto è senza dubbio audace e mira a creare una vera e propria rete di bancomat umani secondo la logica del crowdsurcing: lo sfruttamento, al fine di generare un business, di una moltitudine di individui in precedenza non organizzati, ma resi tali grazie al web.

L’applicazione Apple non è ancora attiva ma è già bersaglio di molte critiche: in particolare per quel che riguarda la protezione della privacy, dal momento che il suo funzionamento si fonda sulla localizzazione satellitare delle persone. Una ulteriore obiezione riguarda la possibilità che il software possa veicolare truffe o furti e questo in quanto segnala la presenza di chi ha una certa somma di denaro in contanti con sé. L’azienda di Cupertino per il momento non si sbilancia nel fornire spiegazioni di dettaglio sul funzionamento della nuova rivoluzionaria applicazione, e nemmeno anticipa eventuali contromisure messe a punto per evitare i possibili problemi di sicurezza causati dalla stessa.

Sono inoltre ancora sconosciute le tempistiche entro le quali il software sarà pronto e scaricabile dall’App store. Siamo sicuri che l’applicazione si presterà a molteplici utilizzi: da prestiti per la spesa a prestiti per il veicolo. C’è già chi lo attende dal momento che negli ultimi tempi riuscire ad accedere a prestiti, per quanto di piccole somme di denaro, è sempre più difficile, come dimostra anche il nuovo prodotto di Poste Italiane di accesso al credito attraverso PostePay, che applica tassi di interesse abbastanza elevati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti