InstagramNews

The Black Mirror Game: il peggior gioco di sempre è la realtà

the black mirror game

Dopo l’hype generata a fine 2018 con l’episodio interattivo “Bandersnatch“, Black Mirror porta gli spettatori a un nuovo livello di coinvolgimento: è uscito oggi “The Black Game“, il gioco firmato Netflix in cui sono gli utenti online a decidere le sorti del protagonista. Questa volta, però, il protagonista è un essere umano in carne ed ossa.

the black game netflix instagramIn Bandersnatch abbiamo influenzato le scelte di Stefan, un giovane programmatore di videogiochi, e lo abbiamo condotto a uno dei 10 finali possibili. Allo stesso modo, The Black Mirror Game prevede che il popolo dei social guidi la giornata di un ragazzo come tanti altri, la cui identità è stata rivelata solo l’altro ieri sulla pagina evento del gioco: è quindi Pierpaolo la “pedina” umana di Netflix Italia, ed è stato scelto tra 5 candidati accomunati da un lavoro normaleuna vita tranquillauna genuina incoscienza.

Per diventare un Black Gamer è sufficiente seguire l’account di Netflix su Instagram dal proprio smartphone, ed interagire con le stories che usciranno nell’arco della giornata. I giocatori saranno artefici in quello che Netflix definisce un vero e proprio esperimento di controllo, il che contribuisce a rendere l’evento spaventosamente simile all’esperimento di Stanford, o a una performance di Marina Abramović.

the black gameDopotutto, se c’è una cosa che la visione di The Black Mirror streaming ci ha mostrato, è che il creatore della serie Charlie Brooker ha idee tutt’altro che rosee sul futuro dell’umanità: tutte le quattro stagioni finora uscite dipingono una realtà fortemente distopica, e ritraggono con pessimismo i progressi tecnologici e sociali del primo mondo.

The Black Mirror Game sembra voler trasportare nella vita reale alcuni episodi cult della serie: non solo Bandersnatch, ma anche Odio universale, e in genere ogni episodio in cui la psicologia delle masse influenza le sorti di un singolo individuo. Oggi su Instagram siamo tenuti a prendere delle decisioni al posto di Pierpaolo, decisioni che come in Bandersnatch a volte sembreranno semplici, altre volte saranno cruciali.

Come suggerito nel video di presentazione del gioco, le domande sorgono spontanee: fino a che punto i giocatori saranno disposti a spingersi? Fino a che punto si spingerà la stessa Netflix? Che cosa accadrà dunque a Pierpaolo?

Partecipare a The Black Mirror Game è, in un certo senso, come vivere in prima persona la distopia di Black Mirror. In gioco, però, c’è la vita di un ragazzo comune, e vista l’assenza di lieto fine negli episodi della serie, questo non è affatto un buon segno.

E Netflix ci aveva avvertiti: il peggior gioco di sempre sarà la realtà!

Rispondi

Le guide più interessanti