Twitter

Twitter lancia Fabric: cosa significa per gli sviluppatori?

Twitter ha avuto un rapporto complicato con gli sviluppatori. Nei suoi primi giorni, il social network incoraggiò gli sviluppatori a costruire le proprie applicazioni e servizi per la piattaforma. Ma la società poi ha iniziato a far uscire le proprie caratteristiche (il più notevole esempio è quando Twitter creò un proprio servizio di condivisione di immagini, aziende frustranti come Twitpic e Yfrog).

Ma Twitter ha fatto un grandissimo appeal agli sviluppatori mercoledì scorso, alla prima conferenza degli sviluppatori mobile dell’azienda. Lì il CEO Dick Costolo ha presentato Fabric, ambizioso piano della società per riconquistare gli sviluppatori.

Fabric, la sua nuova piattaforma di sviluppo, si compone di tre kit di sviluppo software che gli sviluppatori possono utilizzare all’interno delle proprie applicazioni: Mopub, che aiuta gli sviluppatori a creare annunci nativi; Crashlytics, uno strumento di debug per aiutare la stabilità; e Digits, il nuovo modo di accesso all’account basato su numero di telefono.

Mentre Crashlytics e Mopub saranno strumenti indubbiamente utili per molti – Crashlytics semplifica segnalazioni sugli arresti anomali e Mopub potrebbe contribuire a creare entrate per l’azienda- la vera star è Digit, che consente agli sviluppatori di creare accessi all’account basati su numeri di telefono separati da Twitter o da altre identità sociali. Ha generato di gran lunga un grande entusiasmo.

twitter-dave-morin

Ma Digit rappresenta più che l’eliminazione della necessità di una password. In particolare con le nuove applicazioni delle aziende gli utenti potrebbero non avere familiarità, ed essere in grado di iscriversi senza creare un account separato, rende più facile raggiungere i nuovi utenti. Gli utenti sono già abituati a dare i loro numeri di telefono alle aziende per cose come programmi fedeltà o concorsi. “Tutto ciò che rende più facile iscriversi è ottimo per i nostri clienti,” ha detto uno sviluppatore di Twitter.

twitter-karissa-bell

Ma Digit non è l’unico aspetto di Fabric che ha eccitato gli sviluppatori. Prendete l’embed nativo dei Tweet, per esempio. Questa funzione, parte del Twitter Kit di Fabric, consente agli sviluppatori di incorporare intere timeline di Twitter degli utenti nelle loro applicazioni.

Ciò significa che gli sviluppatori possono aggiungere un paio di righe di codice nella loro applicazione e inserire una mini versione di Twitter – completa di timeline, risposte con la @ e ricerca nella propria app. In precedenza, una caratteristica simile avrebbe richiesto ore di lavoro noioso. “Non avrebbe potuto essere più ideale,” ha detto Gregg Spiridellis, CEO e cofondatore di JibJab. La nuova app della società, JibJab Messages, è stata una dei primi partner di Twitter su Fabric.

JibJab Messages consente agli utenti di creare immagini GIF personalizzate condivisibili sovrapponendo foto di volti sui modelli animati. Dal momento che l’applicazione si basa molto sugli utenti che condividono contenuti creati all’interno dell’app con gli amici, in particolare su Twitter, Spiridellis ha detto che la società ha voluto trovare un modo per mettere l’esperienza utente di Twitter all’interno della loro applicazione fin dal suo lancio. “Abbiamo sognato la funzione così come la volevamo ed accaduto che Fabric ha risolto il nostro problema e ci ha consegnato tutto quello di cui avevamo bisogno.”

Ma Spiridellis ha detto che è anche entusiasta delle altre caratteristiche – i miglioramenti di stabilità che verranno da Crashlytics porteranno un beneficio importante anche se può essere meno evidente per gli utenti: rende il processo di sviluppo più efficiente, gli sviluppatori potranno quindi dedicare più tempo a creare altre parti della app ancora migliori. “E ci permette di concentrare le nostre risorse su quello che facciamo”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti