InternetSoftware

Ubuntu One chiuderà i battenti a partire dal 1°giugno 2014

Canonical con un post ufficiale sul suo blog ha deciso di chiudere il servizio Ubuntu One. Una decisione che probabilmente causerà qualche disagio ad alcuni utenti che dovranno migrare ad altri servizi cloud ma in realtà non sentiremo la mancanza di questo cloud storage.

ubuntu one

Nel campo dei file hosting ci sono da sempre decine e decine di servizi ma alcuni non sono considerati affidabili perché spesso sono legati a materiale multimediale protetto da copyright (leggasi possibile chiusura forzata dalle autorità così come accaduto con Megaupload, Filesonic, Hotfile,ecc), altri poco conosciuti o troppo costosi. Ecco che alla fine i servizi che vanno per la maggiore sono tre: Dropbox, Google Drive e Microsoft Onedrive.

Dei tre da qualche settimana il più allettante è diventato indubbiamente Google Drive dato che ci permette di avere 100 GB di spazio a soli 1,99 dollari al mese e soli 9,99 dollari al mese per 1 TB. Difficile quindi per Ubuntu One concorrere con servizi multipiattaforma, più completi e più economici.

Per questo motivo a partire dal 1° giugno 2014 Ubuntu One cesserà di esistere e chi possiede documenti all’interno di questo cloud storage avrà tempo fino al 31 luglio per esportare i propri dati e migrare ad altri servizi. Consigliamo sicuramente Google Drive per i prezzi e Dropbox per la possibilità di accedere da qualsiasi piattaforma.

Via

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti