PS4Xbox One

L’uscita di Dragon Age Inquisition slitta di oltre un mese

Electronic Arts non solo ha annunciato il ritardo di Battlefield Hardline martedì scorso, ma anche di Dragon Age Inquisition. Il gioco di ruolo, attesissimo in uscita per PS4, Xbox One, PS3, Xbox 360 e PC, ha ricevuto uno slittamento che aggiungerà ulteriore agonia per l’attesa di un titolo che ci aspettiamo essere davvero fantastico.

Dragon Age Inquisiton era originariamente previsto per il 7 ottobre, ma un aggiornamento proveniente direttamente da BioWare ne ha rivelato un ritardo di quasi un mese e mezzo. “Sto scrivendo per farvi sapere che Dragon Age Inquisition ha una nuova data di uscita, il 18 novembre 2014 in Nord America (21 novembre in UE)”, ha scritto sul sito ufficiale del gioco il Produttore Esecutivo Mark Darrah.

dragon-age-inquisition-feat-informatblog

“Apprezziamo l’enorme supporto che abbiamo ricevuto da tutti voi per arrivare a questo punto, e anche se queste poche settimane di slittamento possono non sembrare molte, state sicuri che il gioco a cui giocherete sarà decisamente migliore grazie ad esse”. Mark Darrah ha proseguito affermando che “Da quando abbiamo iniziato a lavorare su Dragon Age Inquisition quasi quattro anni fa, il nostro obiettivo era quello di creare la migliore esperienza di Dragon Age in assoluto. E’stato questo obiettivo che ha motivato molte delle nostre scelte: utilizzare Frostbite, dare la possibilità della scelta della razza e la personalizzazione, migliorare la telecamera tattica, costruire una squadra di personaggi le cui relazioni evolvono in base alle vostre azioni e, soprattutto, lavorare su di una storia epica che attinge da giochi del passato e vi porterà in molti nuovi posti nel regno di Thedas”.

Quindi a cosa lavorerà BioWare in quelle critiche supplementari poche settimane? Secondo Darrah, esse serviranno per affinare l’intera esperienza di Dragon Age Inquisition. Il fatto che il gioco avrebbe bisogno di un po’di tempo in più non è una sorpresa. Il gioco, potenziato dal motore Frostbite 3, è il più grande mai creato. Non è l’esperienza open-world di The Elder Scrolls V: Skyrim, ma è diviso in varie zone diverse che compongono l’intero continente di Thedas. Proprio una di queste zone si dice che sia 4-5 volte più grande di tutta la mappa del primo gioco della serie, Dragon Age Origins.

La decisione di ritardare Dragon Age Inquisition può essere vista solo come un segnale positivo dal punto di vista del giocatore, proprio come il ritardo di Battlefield: Hardline, ed aiuterà anche la reputazione sia di Electronic Arts che di BioWare, in quanto Dragon Age 2 non è stato ben accolto dai fan di Origins, e la reputazione di Electronic Arts ha sofferto di una serie di rilasci con alcuni bug.

La reazione al ritardo di Dragon Age è stata mista, ma la maggior parte dei videogiocatori sembrano essere più preoccupati di dover aspettare più di un mese per mettere le mani sul gioco che così tanto bramano.

dragon-age-inquisition-twitter-informatblog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti