Gossip e frivolezzeSocial Network

Utente Facebook ucciso mentre si fa un selfie con una pistola carica

Dopo aver visto come la tecnologia può salvare una vita umana, ecco purtroppo che siamo costretti a documentare l’altro lato della medaglia: un giovane ossessionato dai selfie accidentalmente si è ucciso mentre cercava di mettersi in posa con una calibro 38 puntata alla testa.

E’ accaduto a Città del Messico, la vittima si chiamava Oscar Otero Aguilar, 21 anni, un veterinario che aveva bevuto con gli amici in casa di uno di essi. L’incidente è avvenuto lo scorso fine settimana nella zona nord di Città del Messico, non lontano da dove si trova la Basilica di Nostra Signora di Guadalupe. La polizia è arrivata sul posto dopo che i vicini hanno riferito di aver sentito il colpo di pistola, mentre i testimoni hanno detto che Otero si stava facendo una foto per pubblicarla sulla sua pagina Facebook e vantarsi della sua audacia.

Il portavoce del Ministero della Pubblica Sicurezza ha detto al giornale messicano Excelsior che la morte sembra essere un incidente. Uno degli amici di Otero è stato arrestato sul posto, mentre un altro è fuggito subito dopo l’incidente ed è tuttora un latitante.

Il Fire Challenge

La morte del messicano coincide con la notizia del cosiddetto “Fire Challenge“, una nuova tendenza su Facebook e altri siti su cui gli adolescenti si divertono a darsi fuoco utilizzando alcool. Diversi tentativi sono risultati in visite al pronto soccorso in tutto il paese, secondo ABC News. Uno dei ragazzi che ha rischiato la vita per gioco era Fernando Valencia, un 16-enne di Los Angeles che ha finito bruciandosi il petto e il collo.

In un’intervista con KABC News ha detto che si è reso conto di aver messo in pratica “un’idea stupida” e adesso sta cercando di dissuadere altri pubblicando i video delle sue ustioni su YouTube. “Si vede il fuoco, non si riesce davvero a vedere nient’altro”, ha detto. “Da quando ho visto altre persone ferirsi, ho pensato che avrei potuto fare la stessa cosa ma in realtà durare più a lungo sotto la fiamma … non posso davvero dire niente altro oltre che era un’idea stupida”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti