Dati finanziari

Vendite Samsung 2015 in calo rispetto all’anno precedente

Dopo anni di crescita del proprio business smartphone, Samsung prevede il suo primo calo nelle vendite rispetto all’anno precedente, secondo il ricercatore di mercato TrendForce.

Il gigante dell’elettronica coreanoha perso gran parte delle sue azioni nella fascia bassa e nella fascia media a causa dei concorrenti cinesi”, ha detto in un rapporto TrendForce. “Prevediamo pertanto che Samsung vedrà la sua prima flessione di vendite annuali di smartphone nel 2015, con un 1% di calo rispetto all’anno precedente, chiudendo intorno a 323,5 milioni di unità vendute”.

La società è riuscita a mantenere il suo titolo come azienda numero uno di smartphone nel terzo trimestre, con una quota pari al 25% delle vendite a livello mondiale, ha detto TrendForce. Apple, l’azienda che si è piazzata al numero 2 nella classifica di produttori di smartphone, prevede invece una crescita del 16% rispetto al 2014, per un totale di 223,7 milioni di unità vendute.

samsung-2015-risultati-informatblog

Anche Xiaomi perderà il suo obiettivo per l’anno in corso, non raggiungendo l’obiettivo di 100 milioni, mentre Huawei dovrebbe raggiungere quella soglia secondo TrendForce. “Il tentativo di Xiaomi di entrare nel mercato di fascia alta con il più costoso Mi Note non ha avuto successo, e l’azienda tornerà alla vendita di dispositivi con elevati rapporti qualità-prezzo come il Redmi Note 2 e il Mi 4c durante la seconda metà del 2015″, ha detto TrendForce. “Tuttavia, l’azienda è in grado di raggiungere il 14,6% di crescita annua nelle vendite grazie ai suoi dispositivi più accessibili”.

Al contrario, Huawei dovrebbe poter raggiungere una crescita di ben il 40% rispetto all’anno precedente, con 110 milioni di unità. La coreana LG aumenterà le sue vendite di circa l’8% rispetto al 2014, secondo le proiezioni della società di ricerca. Nel complesso, le vendite di smartphone sono aumentate del 9% rispetto al secondo trimestre, alimentato in parte da nuovi telefoni introdotti prima del solito, da parte delle imprese che hanno cercato di presentare i loro modelli di punta prima di Apple con il suo iPhone 6s.

Il mercato continuerà comunque ad essere debole fino alla metà del prossimo anno, però, con la pressione di un mercato sempre più saturo combinata con una economia globale in decelerazione. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti