Xbox One

XboX One, retrofront di Microsoft sui giochi usati

xxbox oneMicrosoft infine di piega alle esigenze dei consumatori. Capita poche volte di vedere un colosso iTech ritornare sui propri passi eppure, questa volta é successo al maggiore fra tutti. Giusto poche settimane fa l’annuncio che la nuova XboX One sarebbe stata una console sempre connessa, che si sarebbe disattivata trascorse 24 ore dalla ultima connessione on line. Questo escludeva dall’acquisto di un Xbox One tutti coloro che non dispongono di una connessione internet giornaliera, che nel mondo sono la maggior parte dei giocatori.

Non solo l’obbligo di connessione avrebbe consentito a Microsoft di controllare sempre quali giochi giravano sulla console, rendendo inutile il supporto fisso del gioco che una volta installato sarebbe stato sempre disponibile in cloud non solo per l’accesso dalla propria console ma anche da altre. Bene questo di fatto decretava la fine del mercato dei giochi usati per i prodotti Microsoft, fatto questo che ha suscitato le critiche non solo dei rappresentanti della categoria ma anche di moltissimi consumatori.

Sony, presa la palla al balzo si era dichiarata a favore dei consumatori e che mai avrebbe introdotto tali limiti per i suoi prodotti. Dunque tre elementi di differenza vi erano tra una Playstation 4 e una XboX One: la policy dell’usato, l’obbligo di connessione internet e il prezzo.

Ebbene, la notizia di oggi é che Microsoft ha fatto il passo indietro decretando che la nuova XboX One in termini di giochi usati e di connessione internet si comporterà come le attuali XboX che vi sono in circolazione. Dunque niente obbligo di connessione e nessuna limitazione sul rivendita dei giochi una volta terminato l’uso. Rimane ora solo il prezzo a fare la differenza, oltre ovviamente i titoli del catalogo giochi a disposizione e le tecnologie utilizzate. Il gap tra le due console é di circa 100 dollari. Vedremo a natale quale delle due risulterà la vincitrice delle preferenze dei giocatori sempre che una delle due aziende non ci riservi qualche ulteriore sorpresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti