Xiaomi

Xiaomi invia segretamente dati dell’utente ai server cinesi?

I produttori di cellulari cinesi in passato sono stati accusati di rubare le informazioni degli utenti in numerosi casi. Recentemente, una società di sicurezza tedesca ha anche affermato che gli smartphone di un noto marchio cinese avevano un software di spionaggio preinstallato. L’ultima della serie di accuse portate ai produttori di smartphone cinesi è l’affermazione che Xiaomi stava rubando le informazioni dell’utente memorizzate nello smartphone Redmi Note.

OCWorkbench, citando una pubblicazione di Taiwan, ha suggerito che lo Xiaomi Redmi Note, è stato segretamente progettato per l’invio di dati a un server basato in Cina. Inoltre la relazione OCWorkbench rileva che un utente IMA mobile di Hong Kong, Kenny Li, sostiene di aver testato lo smartphone Redmi Note, ed aver scoperto di essere connesso automaticamente a un indirizzo IP cinese al quale inviava dati quando era connesso a una rete Wi-Fi. Li ha anche sostenuto che il Xiaomi Redmi Note inviava informazioni al server cinese a una velocità di trasmissione dati molto più bassa quando era connesso ad una rete 3G.

xiaomi_invia-dati-server-cinese

È interessante notare che lo Xiaomi Redmi Note è stato trovato a trasmettere dati in background anche dopo il root o dopo essere stato modificato con un altro firmware, OCWorkbench ipotizza quindi che il processo di trasmissione sia stato codificato all’interno del dispositivo Xiaomi Redmi Note. Il sito ha osservato il che servizio cloud della società, denominato MiCloud, è stato spento durante la prova.

Secondo il rapporto di OCWorkbench, i dati trasmessi al server cinese includono le foto contenute nei supporti di memorizzazione e messaggi di testo. OCWorkbenchosserva che questo potrebbe essere un backup ‘automatico’ dei dati utente sullo smartphone Xiaomi, anche se questo è stato fatto senza un esplicito consenso da parte dell’utente del dispositivo. Siamo ancora in attesa di un commento ufficiale da parte di Xiaomi che risponda alle accuse secondo le quali il Redmi Note invia segretamente i dati degli utenti a un server situato in Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti