Mercati emergentiSmartphone cinesiXiaomi

Xiaomi torna al primo posto nel mercato smartphone cinese

Xiaomi ha riguadagnato la sua corona come azienda numero uno per le vendite di smartphone in Cina nel secondo trimestre, secondo due rapporti di due società di analisi.

La società cinese, che vale oltre 40 miliardi di dollari ed è recentemente sbarcata anche in Brasile, è in testa al mercato smartphone della Cina con il 15,9% delle vendite, secondo i dati di Canalys. Apple, al primo posto in Cina nel trimestre precedente, è scesa al terzo posto, con il secondo posto preso da Huawei (15,7%), grazie alla impressionante 48% di crescita trimestrale alimentata dai suoi prodotti della linea Honor. Samsung e Vivo hanno completato la top five di Canalis.

Questi dati ovviamente devono essere oggetto di interpretazione, ma i dati di Counterpoint Research sembrano convalidare la maggior parte dei risultati di Canalys. Counterpoint mette Xiaomi al primo posto (15,8% di quota di mercato), davanti a Huawei (15,4%), Apple (12,2%) e Vivo (8,1% del mercato, con una crescita del 250% rispetto all’anno precedente), con Samsung in quinta posizione.

xiaomi-numero-uno-cina-informatblog

Sebbene Apple abbia perso il primo posto, entrambe le analisi hanno commentato che ha fatto un gran trimestre visto che i suoi dispositivi di punta – l’iPhone 6 e iPhone 6 Plus – non sono più una novità per il mercato. Sapevamo già che Apple ha avuto un grande successo in Cina nel secondo trimestre, e i suoi dati finanziari l’hanno mostrato, e il fatto che possa ancora competere a questo punto dell’anno fa ben sperare per i suoi prossimi dispositivi.

Per quanto riguarda Samsung, l’azienda continua a soffrire in Cina, molto probabilmente a causa della popolarità dei dispositivi di fascia media di Xiaomi e (ora) di Huawei. L’azienda coreana ha posto seri sforzi sulla Cina, rilasciando una serie di telefoni di fascia media supersottili che hanno debuttato lì per primi, ma questa strategia non ha ancora portato i risultati desiderati.

Xiaomi, d’altra parte, ha ripreso di nuovo il suo posto. Il suo phablet Mi Note e il nuovo Redmi 2 da 150 dollari sono i primi due dispositivi del trimestre, secondo Counterpoint. Detto questo, la crescita di Huawei e la maggiore concorrenza da parte di Samsung sono fonte di preoccupazione a lungo termine.

“Apple e Samsung hanno entrambi aumentato le loro attività di vendita nel mercato cinese, in rapida espansione attraverso i loro propri negozi e anche attraverso i rivenditori di telefonia di piccole e medie dimensioni. Xiaomi è sotto una pressione immensa per mantenere la sua posizione di primo piano nei trimestri a venire”, ha detto l’analista di Canalys Jingwen Wang in un comunicato.

Nel complesso, il mercato cinese, il più grande il mondo per gli smartphone, continua a contrarsi lentamente a seguito di un calo nel trimestre precedente. Counterpoint ha stimato che le vendite sono in calo del 2% rispetto all’anno precedente nel secondo trimestre 2015, ma sono in aumento del 4% rispetto al trimestre precedente. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti