Hardware

Yahoo sblocca gli smartphone con la scansione dell’orecchio

I ricercatori di Yahoo Labs hanno capito come sbloccare gli smartphone attraverso la scansione dell’orecchio. La tecnologia si chiama Bodyprint ed è stata pubblicata sul blog del sito web del team, e utilizza il touchscreen capacitivo di uno smartphone per percepire e “scansionare” l’orecchio quando si preme contro il dispositivo, che poi genera un’immagine che può essere utilizzata per identificare l’utente e sbloccare il telefono.

Yahoo Labs è anche riuscita a far funzionare Bodyprint con altre parti del corpo, compresi pugni, nocche, dita e palmi delle mani, sempre con il display touchscreen dello smartphone che crea un’immagine a bassa risoluzione unica per ogni utente. Questo meccanismo potrebbe essere utilizzato per bloccare e sbloccare i file.

body-print-yahoo-informatblog

L’uso più convincente per Bodyprint sembra essere quello di usare il vostro orecchio per sbloccare il telefono, in quanto le persone tengono già il telefono cellulare, almeno in parte, contro l’orecchio durante una telefonata.

Il processo di autenticazione sembra relativamente breve e richiede che l’orecchio venga premuto contro il display del telefono prima di essere in grado di parlare.

Sebbene la maggior parte degli smartphone di fascia alta come l’iPhone 6 o il Samsung Galaxy S6 già includono la tecnologia della scansione dell impronte digitali, Yahoo Labs pensa che Bodyprint possa essere utilizzato come un’alternativa più economica negli smartphone, poiché nessun sensore aggiuntivo è necessario dal momento che utilizza il touchscreen del dispositivo.

body-print-yahoo-informatblog-2

I moderni sensori di impronte digitali hanno una risoluzione incredibilmente alta, mentre durante l’utilizzo del touchscreen di uno smartphone come sensore invece questa risoluzione non serve: l’immagine che si ottiene è a bassa risoluzione, ma il team di Yahoo Labs dice che è ancora molto accurata.

“Bodyprint compensa la risoluzione di ingresso bassa con un aumento del tasso di falsi negativi, ma non compromette la precisione nell’autenticazione”, ha scritto il team. “Nella nostra valutazione, con 12 partecipanti, Bodyprint ha classificato le parti del corpo con il 99,98% di precisione e identifica gli utenti con il 99.52% di precisione con un tasso di falsi negativi del 26.82% per evitare i falsi positivi”.

Non si può dire se e quando la tecnologia Bodyprint troverà il suo impiego sui cellulari, ma sarebbe un modo incredibilmente intelligente e conveniente per portare la bio-identificazione su più dispositivi. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti