Software

Yosemite: le novità in arrivo con la prossima versione di OS X

os_x_yosemite_roundup

Anche quest’anno Apple, nel corso dell’annuale World Wide Developer Conference, ha presentato quella che sarà la prossima evoluzione del sistema operativo presente sui suoi computer. Naturalmente stiamo parlando di OS X, che dalla scorsa versione, ha abbandonato la denominazione che faceva riferimento ai nomi di grandi felini per adottare i nomi dei più spettacolari luoghi della California. Da OS X 10.9 Mavericks, quest’anno si passa a OS X 10.10 Yosemite. Andiamo a scoprirne insieme le principali caratteristiche della prossima release.

Un’interfaccia utente rivisitata che ripropone molti degli elementi di iOS 7

OS-X-Yosemite-Design-interfaccia_emb8

La parte della conferenza dedicata a OS X si è aperta con l’annuncio di una importante revisione dell’interfaccia e appare evidente che la fonte di ispirazione è stata, chiaramente, la settima incarnazione di iOS. Yosemite si presenta con un’interfaccia più pulita e sobria, caratterizzata da molti elementi traslucidi. Il colore predominante non è più uno statico e monotono grigio.

A prevalere è il bianco, con finestre in più punti traslucide, così da rendere il tutto più dinamico, in quanto è lo sfondo del desktop a determinare l’aspetto finale delle finestre. Il tutto conferisce un maggiore senso di libertà e contemporaneamente consente di visualizzare un numero maggiore di elementi.

os-x-yosemite-dock-610x109

Anche il dock assume un aspetto bidimensionale, le icone sembrano collocate su una striscia di vetro opaco. Non sappiamo se questa scelta possa essere apprezzata da tutti gli utenti Apple, ma probabilmente non mancherà un’opzione per utilizzare la classica dock con effetto tridimensionale, a cui i più sono abituati in ambito Mac.

Diciamo addio quindi a vetusti effetti 3D, piuttosto impariamo ad apprezzare queste nuove superfici traslucide assieme alle nuove icone flat.

Un Centro Notifiche potenziato

yosemitecentronotifiche

Altra importante novità è l’introduzione di un nuovo centro notifiche che, rispetto all’attuale, si presenta con due distinte sezioni:

  • Notifiche, dove confluiscono tutte le notifiche dei servizi a cui siamo iscritti, i messaggi, la disponibilità di aggiornamenti ecc;
  • Oggi, dove vengono visualizzate diverse informazioni sulla giornata, eventuali appuntamenti o previsioni meteo. La novità sta nella possibilità di installare widget per avere a portata di mano strumenti di vario genere quali una calcolatrice, passando per altri che, ad esempio, consentono di aggiornare il proprio social network. I widget saranno disponibili all’interno del Mac App Store.

Una ricerca sempre più intelligente

osx_design_spotlight_your_files-610x382

Yosemite introduce il nuovo Spotlight. Per chi non lo conoscesse, questo non è altro che una funzione di ricerca che scova, sul nostro Mac, tutto quello che corrisponde alle parole digitate. Il nuovo Spotlight si differenzia innanzitutto perché quando lo richiamiamo dalla barra dei munù, adesso viene visualizzato al centro dello schermo, cosa che consente di fornire maggiore spazio per visualizzare la ricerca effettuata.

osx_design_spotlight_showtimes-610x382

 

Nel vecchio Spotlight la ricerca era limitata al proprio computer, mente la nuova versione effettua una ricerca più intelligente dei contenuti affidandosi a piattaforme esterne, quali Wikipedia. Se ad esempio si digita il nome di un film, ovviamente se questo è presente in locale verrà proposto tra i risultati di ricerca, ma proporrà anche sale con il film in questione in programmazione, oppure lo ricercherà anche all’interno di iTunes Store. Digitando un indirizzo, viene visualizzata una anteprima di Mappe che ne visualizza la posizione.

Safari e Mail si rinnovano per l’occasione

osx_design_windows-toolbars_2x-610x162

Tra le app che anno subito importanti notifiche abbiamo sia Safari che Mail, sicuramente due delle applicazioni che più si utilizzano su OS X. Entrambe adotta il nuovo look traslucido, ma non mancano anche novità prettamente funzionali.

Safari ha una nuova barra degli strumenti ancora più minimale, tanto che vi sembrerà di visualizzare a schermo solo il contenuto della pagina web. Sembra molto pratica anche la nuova modalità di gestione dei segnalibri e dei tab. In particolare, quando si hanno molti tab aperti contemporaneamente, si può scorrere tra di essi fino a cercare quello desiderato.

Quando si vuole effettuare una navigazione privata,  ora viene aperta una nuova finestra all’interno della quale è possibile navigare con questa modalità, mentre è possibile continuare a navigare cme di consueto nella prima finestra. L’attenzione alla privacy ha portato Apple ad aggiungere DuckDuckGo tra i motori di ricerca disponibili. Questi ha il pregio, a differenza della concorrenza, Google in primis, di non tenere traccia delle attività dell’utente. Ovviamente non manca un importante lavoro “dietro le quinte” che porterà ad un notevole incremento delle prestazioni del browser made in Cupertino.

osx_design_view_safari-610x382

Tra le novità di Mail sono degne di nota Mark Up e Mail Drop. Mark Up consente di effettuare delle rapide modifiche a foto ed allegati all’interno di Mail, senza la necessità di dirottare il proprio lavoro su Anteprima. Nel corso del WWDC è stato dimostrato come Mark Up riconosca quello che viene disegnato su una foto. Tracciando una freccia “a mano libera”, questa verrà riconosciuta come tale e verrà convertita in un oggetto modificabile, come se lo avessi inserito con Anteprima.

os-x-yosemite-mail-app-610x380

 

Per quanto riguarda Mail Drop, questa funzione permette di inviare allegati di grandi dimensioni anche se il proprio provider di posta elettronica impone un limite piuttosto modesto. Questo è reso possibile perché l’allegato (fino a 5 GB) viene alloggiato sui server di iCloud e il destinatario della mail potrà scaricarlo direttamente dal suddetto server. Nel caso in cui il destinatario non utilizzi OS X, questi riceverà un link per effettuare il download.

Convergenza di OS X e iOS

Yosemite porta ad un nuovo livello la convergenza, già evidente, tra OS X e iOS. Ma attenzione, non stiamo parlando solo dell’aspetto grafico dell’interfaccia dei due sistemi operativi. Ora più che mai con le nuove versioni di iOS e OS X è possibile iniziare un’attività su un dispositivo e continuarla su un’altro. Non si parla di una semplice sincronizzazione dei documenti salvati tramite iCloud, ma di un dialogo costante e sinergico tra i due sistemi operativi.

iphone-to-mac-phone-call

L’esempio più significativo di questa convergenza attiva è data dalla possibilità di rispondere ad una chiamata in arrivo tramite il proprio Mac, o ancora rispondere ai messaggi (ora anche agli SMS) mediante l’app Messaggi di OS X, il tutto passando ovviamente per il proprio iPhone.

L’app Immagini da iOS verrà introdotta anche su Mac

Direttamente da iOS, su Yosemite arriverà (nel corso del prossimo anno) l’applicazione Immagini, che permetterà di visualizzare le immagini presenti sul proprio device direttamente sull’ampio schermo del proprio Mac. iCloud consentirà di sincronizzare le librerie tra i vari dispositivi e anche le eventuali modifiche apportate. Infatti Immagini integra anche un editor tanto essenziale quanto pratico e funzionale, che consentirà di migliorare l’aspetto delle proprie foto. Tra i vari strumenti a disposizione troveremo anche dei filtri da applicare.

mac_and_ios_mail_laptop

 

L’arrivo della nuova versione di OS X è prevista per il prossimo autunno e, come anche la precedente release, sarà gratuita e disponibile al download tramite Mac App Store. Nel frattempo Apple ha reso disponibile per gli sviluppatori una versione beta di OS X Yosemite, di conseguenza dei giorni a venire verrano sicuramente scoperti nuovi dettagli che non mancheremo di riferirvi.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti