Facebook

Facebook da oggi consente di proclamare con orgoglio il paese d’origine

Facebook ha aggiunto quasi 200 bandiere da inserire nel profilo, consentendo agli utenti di allegare ora un simbolo di identità nazionale nell’angolo delle loro foto.

La funzionalità uscì per la prima volta nel 2015 come un modo per consentire agli utenti di tutto il mondo di mostrare fedeltà alla loro squadra del cuore, e nel dicembre dello scorso anno Facebook ha iniziato a permettere a chiunque di progettare e presentare le proprie cornici. Ma oggi, TechCrunch ha riportato che il social network permetterà anche di aggiungere le bandiere dei paesi.

Anche se può sembrare un gesto di buona fede, c’è un modo più profondo per leggere l’introduzione delle bandiere nelle foto. Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg la scorsa settimana ha pubblicato una lettera aperta di 5800 parole che riformula la missione della società in termini molto più grandiosi.

facebook bandiere paese origine

In breve, Zuckerberg ha riconosciuto la responsabilità di un social network grande e potente come Facebook per aiutare a contribuire alla costruzione di impegno civico e di “una comunità globale che funzioni per tutti”.

Quindi, in superficie sembra un po’ strano che, a seguito di un annuncio che Facebook è un nuovo tipo di stato-nazione digitale in grado di superare tutti i confini, la società voglia farvi proclamare con orgoglio il vostro paese di origine.

Ma, come i molti altri modi in cui Facebook consente di creare la propria identità online, questa caratteristica sembra meno impegnativa e più relativa alla promozione di un senso di appartenenza globale.

Dopo tutto, Zuckerberg non sta cercando di distruggere i fondamenti della vita civile moderna: Facebook funziona molto bene all’interno dei confini del panorama economico e politico esistente.

Ma la società vorrebbe pensare al suo social network come un secondo stato, quello in cui la bandiera del vostro paese possa essere in grado di coesistere con la vostra identità online olistica in egual misura.(Fonte)

Rispondi

Le guide più interessanti